Viaggiare in Europa ora è più facile. Boom di accessi dai social media
Blocco aereo. Numeri record per Roadsharing.com
Migliaia di persone si organizzano grazie al portale di car pooling


Firenze, 18 aprile - "Ciao ragazzi, Il mio volo per Milano è stato cancellato e ho assoluta esigenza di tornare in italia il prima possibile. Immagino che molti di voi saranno nella stessa situazione. Noleggiamo un auto? Contattatemi!" Con questo messaggio Ambra985 (http://bit.ly/bPg6TG) cerca di tornare a casa da Bruxelles nonostante il blocco dei voli che ha colpito l'Europa a causa della nube generata dall'eruzione del vulcano islandese.

Ad organizzare Ambra e centinaia di persone nella sua situzione è la tecnologia del portale italiano www.roadsharing.com nato nel 2008 per condividere passaggi in auto. Il servizio, in cinque lingue, è gratuito e consente di fare autostop e car pooling in modo semplice e sicuro. Basta un computer o uno smartphone e il gioco è fatto. Spostarsi nell'Europa degli aeroporti chiusi torna ad essere possibile.

A confermarlo sono i numeri del portale registrati nelle ultime ore. E' il fondatore del portale, Daniele Nuzzo, ad aggiornare i dati: "Dal blocco dei primi voli migliaia di viaggiatori si sono collegati ogni ora al sito www.roadsharing.com per cercare un passaggio verso casa o condividere il noleggio di una macchina. Dai cellulari e notebook i viaggiatori bloccati negli areoporti hanno inviato su Twitter e su Roadsharing.com richieste con i tag #roadsharing e #getmehome creando un flusso continuo di contatti per condividere auto, furgoni ed altri mezzi per tornare a casa."

RoadSharing.com è stato segnalato con successo da molti gruppi nati su Facebook per far fronte all'emergenza ed è diventato di fatto il sito più utilizzato per cercare una soluzione alternativa ai voli bloccati.