Come RoadSharing abbiamo partecipato alla tappa del Working Capital Tour a palazzo Strozzi a Firenze.

All’elevator pitch di Firenze Daniele Nuzzo ha presentato RoadSharing.com, una piattaforma per la gestione del car pooling, online da circa un anno, il cui scopo è facilitare l’incontro tra la domanda e l’offerta di passaggi auto.

RoadSharing.com si rivolge ai pendolari, a chi cerca un passaggio in auto, a chi vuole dividere le spese di viaggio, inquinare meno o semplicemente a chi è interessato a una mobilità più sostenibile. Sebbene in Italia non sia stata effettuata ancora alcuna campagna di comunicazione, questa piattaforma vanta già oltre 30 mila utenti e 1000 percorsi attivi e visibili sul nostro territorio. Ad ogni modo, un’attività organica di integrazione con altre piattaforme e un efficiente lavoro di SEO (search engine optimization) ha portato RoadSharing.com ad essere presente su Google Maps, Twitter e FriendFeed.

L’idea alla base di questo progetto è scaturita dall’analisi dei dati di un rapporto Censis del 2007 che evidenzia come, in Italia, siano presenti 13 milioni di pendolari, il 73% dei quali (9 milioni) usa quotidianamente l’auto come mezzo per andare a lavoro. La spesa annuale media pro capite per questo tipo di pendolariato è di 2500 euro. RoadSharing.com ha inoltre attivato un programma chiamato “Eco Partner”, che comprende, ad oggi, la collaborazione con enti istituzionali (ad oggi 6 province hanno aderito all’iniziativa), con Coop e Ikea Italia.

Il modello di business scelto da questa impresa prevede la fornitura gratuita del servizio per gli utenti, lo sviluppo di un prodotto white label da vendere alle aziende, introiti pubblicitari e un servizio di ticketing legato a veri e propri “car pooling event”. Nel mercato italiano sono attualmente presenti quattro competitor, nati successivamente a RoadSharing.com, mentre sullo scenario europeo si registrano solo due servizi concorrenti, in Francia e in Germania.